Advertising Console

    Addio a Rubin "Hurricane" Carter, il pugile che ispirò Dylan

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    192 visualizzazioni
    Milano (askanews) - Un'ingiustizia l'ha reso un simbolo, una canzone e un film l'hanno fatto diventare leggenda. A 76 anni è morto nella sua casa di Toronto il pugile americano Rubin Carter, soprannominato "Hurricane", uragano, per la forza con cui sul ring combatteva gli avversari. La sua storia è diventata un film con Denzel Washington, "Hurricane - Il grido dell'innocenza" in cui si racconta della sua carriera e della sua vita spezzate da un errore giudiziario e una falsa accusa di triplice omicidio, su cui pesò il pregiudizio per il colore della sua pelle, che lo condannò a passare 19 anni della sua vita in carcere da innocente. Lui non si arrese mai, continuò a dichiararsi innocente, affrontò un processo dietro l'altro fino all'assoluzione combattendo come sul ring e scrisse un'autobiografia con cui fece conoscere al mondo la sua storia e da cui Bob Dylan prese ispirazione per scrivere nel 1975 la sua canzone "Hurricane".