Kepler-186f, pianeta cugino della Terra potrebbe ospitare la vita. Scoperto dalla Nasa con telescopio Kepler, dista 500 anni luce

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

915
100 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano, (TMNews) - Il cugino della Terra. Gli scienziati della Nasa chiamano così Kepler-186f, pianeta scoperto con l'aiuto del telescopio spaziale omonimo, il primo con dimensioni simili alla Terra che orbiti nella "zona abitabile" attorno a una stella, cioè a una distanza tale da rendere possibile la presenza di acqua allo stato liquido sulla superficie. La scoperta conferma l'intuizione degli scienziati: esiste un pianeta che non orbita attorno al Sole dove si verificano queste condizioni: in questo caso la stella è una Nana rossa, più piccola e fredda del Sole."E' una scoperta sensazionale per noi perchè nella nostra galassia ci sono centinaia di miliardi di stelle e più del 70% sono Nane rosse. Se possiamo affermare che pianeti con Kepler-186f sono comuni potremmo anche dire che è comune trovare zone abitabili" spiega Elisa Quintana, co-autrice dello studio condotto dal SETI Institute di Mountain View, California, e dal NASA Ames Research Center. Il pianeta cugino si trova a 500 anni luce di distanza dalla Terra e come dimensioni è 1,1 volte il nostro pianeta: quelli più vicini scoperti sinora con queste caratteristiche erano il 40% più grandi della Terra."E' una delle principali pietre miliari nella ricerca di posti simili alla Terra - aggiunge Thomas Barclay - non sappiamo quanto somigli al nostro pianeta ma sappiamo che ci sono dei luoghi di questo tipo". Le future missioni della Nasa hanno l'obiettivo di scoprire pianeti rocciosi più vicini e determinare la loro composizione e le condizioni atmosferiche, per trovare altri mondi in grado di ospitare la vita.

0 commenti