Ucraina, tassi di interesse al 9,5% per difendere la moneta

0 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
A mali estremi, estremi rimedi. Per frenare il crollo della valuta nazionale, la grivnia, la banca centrale ucraina è intervenuta con un deciso rialzo del costo del denaro.

Il tasso di interesse principale è stato portato dal 6,5% al 9,5%. Si tratta della più grande aumento dal 1998 anche se, per gli analisti, non basterà a fermare la parabola discendente della moneta, crollata di oltre il 30% da inizio anno.

Un effetto di breve termine la mossa l’ha avuto: la grivnia ha guadagnato oltre quattro punti percentuali sul dollaro.

Ma la fuga dagli investitori dal Paese, oggi sempre più a rischio dopo l’escalation della tensione con la Russia nelle regioni orientali, continuerà a indebolirla, dicono, e a spingere l’inflazione.

0 commenti