Guerriglia urbana nel centro di Roma, fermi e feriti: uno è grave

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

912
180 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma (askanews) - Una vera e propria guerriglia urbana si è scatenata nel centro di Roma durante la manifestazione dei movimenti per il diritto alla casa. Un gruppo di una settantina di infiltrati incappucciati con keyway azzurri, si è staccato dal corteo e ha lanciato bottiglie, fumogeni, petardi e bombe carta contro i blindati e il cordone di polizia schierato nei pressi del Ministero dello Sviluppo economico, tra piazza Barberini e via del Tritone.
Il bilancio è di alcuni feriti sia tra i manifestanti che tra gli agenti. Grave un 47enne di nazionalità peruviana: lo scoppio di un petardo gli ha causato la perdita di una mano. Almeno sei i fermati da parte delle forze dell'ordine.
Dopo gli scontri, interrotti con un paio di cariche di alleggerimento dei poliziotti, a terra è rimasto di tutto: brandelli di keyway, scarpe, bastoni, borse e occhiali.
Il corteo al quale partecipavano anche esponenti dei movimenti No Tav e No Muos, è partito nel primo pomeriggio del 12 aprile da Porta Pia con in testa lo striscione "Ribaltiamo il governo Renzi". I manifestanti protestavano contro i recenti provvedimenti dell'esecutivo come il Jobs act e il piano casa voluto dal ministro Lupi.

0 commenti