Advertising Console

    Verona, uno sguardo insolito al Bacco di Caravaggio. Al Teatro Ristori per assegnazione Premio Grandi Cru d'Italia

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,2K
    20 visualizzazioni
    Verona (TMNews) - Un incontro tra arte e vino, uno sguardo al Bacco di Caravaggio da una prospettiva insolita, grazie alla tecnologia, protagonista il professor Vittorio Maria de Bonis, esperto del Quirinale che accompagna gli ospiti stranieri in visita nel Palazzo. Al Teatro Ristori di Verona va in scena il confronto tra il Bacco di Leonardo Da Vinci e Il Trionfo di Bacco di Velazquez, grazie alla tecnologia watch-out e a un particolare proiettore in alta definizione HD, che trasmette immagini su di uno schermo di 9 metri x 4: ad aiutare il professore un leggio touch screen, che gli permette di selezionare i particolari del quadro e spiegare alla platea il ruolo e il momento storico nel quale è stato dipinto."Noi che abbiamo generato i più grandi capolavori ora ne restituiamo uno nuovo - ha detto De Bonis - un modo di vedere antico e moderno insieme: per la prima volta abbiamo la disponibilità dell'arte migliore nel punto di vista migliore".L'evento si è svolto nella cornice del Vinitaly 2014 e ha preceduto la cena di gala di consegna dei Premi Grandi Cru d'Italia, dedicati alle più importanti personalità internazionali del settore del vino. I riconoscimenti sono assegnati dal Comitato Grandi Cru d'Italia, l'associazione che sul modello francese riunisce i 100 produttori di più alta qualità che da almeno 20 anni producono vini con i più alti rating derivanti dall'incrocio di guide e riviste italiane e straniere. Presidente del Comitato è stato nominato il marchese Carlo Guerrieri Gonzaga, della Tenuta San Leonardo, che prende il posto di Vittorio Frescobaldi e entra nel comitato dei "saggi" per il vino di Expo 2015 di Milano.