Anche l'acqua è tech: dall'energia al virtual trainer in piscina

askanews

per askanews

884
11 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano, (askanews) - La Terra è coperta per il 70% dall'acqua, elemento da preservare e che forse non stiamo ancora sfruttando al meglio, soprattutto in fatto di energia. Ci provano startup italiane come "Wave for energy", dell'I3P, incubatore del Politecnico di Torino, che sviluppa sistemi per produrre energia dal moto ondoso come ISWEC, un sistema innovativo racconta Paolo Gherra.
"Utilizziamo sistema basato su giroscopio che converte rotazione in energia elettrica"
Questo permette di sfruttare anche le onde dei mari come il Mediterraneo, di adattarsi ad ogni situazione in acqua, col vantaggio di non avere parti meccaniche immerse. Idee che fanno bene al futuro dell'ambiente e dell'Italia dice Giuliana Mattiazzo, amministratore di "Wave for energy".
"Riteniamo di vivere in un sistema un po' miope per quanto riguarda finanziamento delle startup è evidente che è l'unica cosa che può salvare situazione industriale in fase regressiva che stiamo vivendo
Dall'energia del mare a quella delle bracciate dei nuotatori con Aquatech engineering, startup fondata da Alessandro Buresta che ha inventato un virtual trainer per il nuoto.
"Un cursore di led luminosi si muove simulando un atleta che sta nuotando e vero nuotatore si confronta potendo vedere in tempor eale se sta migliorando o peggiorando sua performance
Una tecnologia che potrà essere applicata anche in ambito sicurezza, per indicare vie di fuga, e sistemi riabilitativi post operatori.

0 commenti