Il corpo delle donne vestito dagli italiani: mostra a Londra

33 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Il jet set rende omaggio alla moda italiana con una retrospettiva aperta al londinese Victoria and Albert Museum.
Valentino, Dolce e Gabbana, Tom Ford erano all’inaugurazione insieme a top model come Naomi Campbell Eva Herzigova e attrici come Elizabeth Hurley.

TOM FORD, STILISTA:
“Credo che l’artigianato sia cosi’ attraente nella produzione italiana. E’ una gran qualità dove c‘è ancor un innato senso di qualcosa che non riesci a descrivere”.

ELIZABETH HURLEY, ATTRICE:
“Credo che amino il corpo delle donne, credo che amino le donne e gli piace che le donne appaiano favolose, lo approvo”.

Fin dalla seconda guerra mondiale gli stilisti italiani sono sinonimo di glamour: Prada, Gucci, Armani, Versace…nomi che significano il pavoneggiarsi, lusso, stile.

La prima grande sfilata di moda ebbe luogo a Firenze nel 1951 organizzata dal’imprenditore Giovanni Battista Giorgini, considerato il padre dell’industria moderna della moda italiana.
Giorgini si distaccava dal gusto parigino gareggiando in creatività e qualità.

Fu il primo a percepire le implicazioni economiche dell’artigianato italiano sui mercati internazionali.

SONNET STANFILL, COMMISSARIO DELLA MOSTRA:
“Se Christian Dior rilancio’ la sartoria francese nel 1947 con un nuovo look bisogna riconoscere la stessa cosa operata nell’ambito dell’industria italiana da Giorgini, la moda italiana venne posta per la prima volta all’attenzione internazionale “.

“The Glamour of Italian Fashion: 1945-2014,” è l’esposizione in onore al design italiano che si tiene al Victoria & Albert Museum fino al 27 luglio 2014.

0 commenti