Bagnasco boccia il "divorzio breve": occorre tempo per certe cose. Presidente della Cei commenta l'ipotesi al vaglio della Camera

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

917
6 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Genova, (TMnews) - Angelo Bagnasco dice no al divorzio breve perché "per certe decisioni gravi occorre far decantare le emotività". "I tempi più lunghi tra la separazione e il divorzio - ha aggiunto il porporato - non sono una forma di coercizione della libertà degli individui ma sono da parte della società e dello Stato unapossibilità perché le persone coinvolte possano far decantare le emotività, le situazioni di conflitto per un tempo di maggiore riflessione e di pausa in modo da affrontare con maggiore serenità, per quanto possibile, un passo così grave come il divorzio".Così il presidente della Cei ha commentato da Genova l'ipotesi di introduzione del "divorzio breve" contenuta all'interno di una proposta di legge bipartisan alla Camera. "Se due persone stanno insieme con un progetto comune questo è molto importante per tutta la società, non è un fatto meramente privato", ha concluso Bagnasco.

0 commenti