La regina Elisabetta II a Roma, incontra Napolitano e il Papa. Visita lampo per la sovrana e il principe Filippo

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

926
99 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma, (TMNews) - Una breve visita ufficiale per incontrare Giorgio Napolitano e Papa Francesco. La regina Elisabetta torna a Roma dopo 14 anni, in compagnia del principe consorte, Filippo di Edimburgo, per la quinta visita nel nostro Paese. Una giornata scandita da due appuntamenti, prima al Quirinale e poi in Vaticano.Dopo l'arrivo all'aeroporto militare di Ciampino, la regina è andata al Colle per un pranzo privato con il Presidente della Repubblica. Nel cortile d'onore è stata accolta con gli onori militari, in quanto Capo di Stato del Regno Unito. Elisabetta II, con il marito sempre a fianco in completo scuro, indossava un soprabito color lilla con cappellino abbinato. Napolitano aveva invitato in Italia Elisabetta II e consorte nel marzo del 2013, ma il viaggio fu cancellato all'ultimo minuto per una indisposizione della sovrana.La visita è continuata in Vaticano per il primo incontro con Papa Bergoglio: circa mezz'ora di colloquio tra il capo della Chiesa anglicana e il pontefice. Francesco ha consegnato a Elisabetta un regalo per il principino George, figlio di William e Kate: una sfera di lapislazzuli, che simboleggia il globo, sovrastata da una croce e posata su una base tonda di ferro con l'iscrizione, in inglese, "A sua altezza reale il principe George di Cambridge". Alla sovrana il Papa ha regalato il decreto di Sant'Edoardo il confessore, re d'Inghilterra e fondatore della struttura poi divenuta abbazia di Westminster. Il documento del 29 maggio 1679 estende il culto di Sant'Edoardo alla Chiesa universale.Dal Vaticano la coppia reale è tornata a Ciampino, per poi partire verso Londra. La prima visita ufficiale della regina Elisabetta a Roma risale al 1951, quando era ancora principessa. Poi, da regina, nel 1961, nel 1980 e ancora nel 2000, quando fu ricevuta dal Presidente Ciampi e da Papa Giovanni Paolo II.

0 commenti