Lo smog attanaglia l'Europa e l'Onu fa pressing su Bruxelles

6 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Londra come non l’avete mai vista per il secondo giorno consecutivo. La colpa è di mix di smog e sabbia proveninente dal Sahara. Livelli di inquinamento preoccupanti si sono registrati anche in altri paesi europei proprio nel giorno in cui il segretario generale dell’onu Ban Ki-moon è intervenuto a una tavola rotonda sui cambiamenti climatici a Bruxelles.

“L’Unione europea puo’ fare di più per contrastare il processo del riscaldamento climatico più rapidamente. La mia priorità è mettere sui giusti binari tutte le forze motrici in modo da farle avanzare per giungere a un trattato sul cambiamento climatico efficace e legalmente vincolante entro il 2015, l’anno prossimo”.

Ban Ki-moon ha spinto l’Europa ad approvare entro giugno il
pacchetto clima-energia per il 2030, che prevede un taglio vincolante a livello nazionale del 40% di CO2 rispetto al
1990 e un target europeo di almeno il 27% di energie rinnovabili.

0 commenti