Archeo arte, la crisi bussa al TEFAF mercato d'arte di Maastricht. Sottotono l'edizione 2014 della maggiore fiera d'arte al mondo

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

914
15 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma, (TMNews) - Maastricht amara anche per il mercato dell'arte. L'edizione 2014 del TEFAF (The European Fine Art Fair), la più importante fiera d'arte e antiquariato al mondo conclusa nella cittadina olandese, ha mandato segnali di crisi anche per il ricco mercato dell'antiquariato e dell'arte moderna.Non solo parametri economici quindi a Maastricht? "Direi di si. Visitare questa fiera è un ottimo modo per tastare il polso al mercato dell'arte e vederne i trend annuali - ha detto Gian Maria Mairo curatore per i dipinti antichi della Fondazione Sorgente Group - Rispetto agli altri anni, nel 2014 si è notata un'assenza di capolavori eclatanti (quelli da svariati milioni di stima). C'erano molte opere importanti, ma mancava il vero pezzo di copertina, sia nella sezione di dipinti antichi che fra i moderni e contemporanei. Questo potrebbe indicare che oramai i grossi collezionisti non si affidano più solamente ai galleristi per acquisire le opere, ma probabilmente partecipano direttamente alle aste, aiutati da qualche Art Advisor personale"."Ogni anno - ha aggiunto Mairo - a Maastricht si danno appuntamento tutti i più importanti operatori del settore: galleristi internazionali, collezionisti, direttori di musei e semplici appassionati. A rendere Maastricht il posto ideale per la vendita di opere d'arte è la tassazione vantaggiosa nell'importazione di opere da Paesi Extra UE. Da qui si giustificano la massiccia presenza di gallerie provenienti da Svizzera e USA".

0 commenti