Roma, l'elemosina francescana si adegua e approda su Internet. Crowdfunding per restaurare la cella di Francesco a Trastevere

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

881
16 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma (TMNews) - Anche l'elemosina nel Terzo millennio si deve adeguare. Ma la causa è santa, per antonomasia, e ne vale davvero la pena.A Roma i monaci francescani della chiesa di San Francesco a Ripa, nel cuore di Trastevere, hanno lanciato una campagna di crowdfunding sul sito Kickstarter. L'obiettivo è raccogliere 125.000 dollari per il restauro della piccola cella dove San Francesco soggiornava quando veniva a Roma per incontrare i Papi."Ci troviamo nella cella di San Francesco, spiega frate Stefano Tamburo, uno dei promotori dell'iniziativa, il luogo dove lui abitava quando stava a Roma. Dormiva in questa cella, E questo è il sasso che usava come cuscino e a cui si appoggiava".L'iniziativa é in linea con la tradizione francescana di raccogliere l'elemosina. Solo che in questo caso viene fatta via Internet."Chiediamo 125mila dollari per realizzare il restauro del santuario e la promozione in tutto il mondo di questo luogo caro a Francesco".A ben guardare, a mettere i fondi dovrebbe essere lo Stato italiano, proprietario della Chiesa e responsabile della manutenzione. Ma di questi tempi di grave emergenza economica e sociale, i frati hanno deciso di regolarsi diversamente."Come facevano i frati fin dai tempi di Francesco, anche noi stendiamo la mano verso la gente per chiedere un aiuto a chi può".Internet, Kickstarter e crowdfunding? Il santo poverello forse non comprende. Ma di certo, sorride.(Immagini Afp)

0 commenti