Advertising Console

    Forza Italia vuole unire i moderati. Toti: nessun diktat da Renzi. Per il consigliere politico di Berlusconi "uniti si vince"

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,2K
    15 visualizzazioni
    Milano, (TMNews) - La strada da percorrere per Forza Italia è quella dell'unione dei moderati. Giovanni Toti, consigliere politico del partito guidato da Silvio Berlusconi, commenta l'apertura del suo leader alla Destra di Francesco Storace: arrivando al convegno "False Rivoluzioni" organizzato al Palazzo delle Stelline di Milano da Stefania Craxi, spiega che l'invito si estende ad Alfano e al Nuovo Centrodestra. "I moderati vincono quando stanno insieme e perdono se si dividono: la strada è quella di riunirli, verrà il momento giusto alle scadenze importanti. Proveniendo dallo stesso partito e facendo parte dello stesso gruppo europeo immagino che non sarà difficile trovare un programma condiviso con tutto il centrodestra, anche con la Lega e gli altri cattolici moderati d'Italia".Parlando di Matteo Renzi e dell'accelerazione impressa alle riforme, Toti, parafrasando il titolo dell'incontro, parla di "falsa rivoluzione". "Renzi accelera spesso bisogna vedere se c'è l'automobile: ha messo tanta carne al fuoco in ogni campo dello scibile umano, ma ancora non abbiamo visto il risultato. Sul fronte delle riforme istituzionali siamo pronti a continuare la collaborazione ma non accetteremo testi a scatola chiusa. Direi a Renzi fermati e facciamo qualche cosa, finchè sono chiacchiere mi sembra pubblicità elettorale".Toti critica l'atteggiamento di Renzi, che porta in Consiglio dei ministri decisioni prese dal partito, e lo chiama "vizio da democrazia sovietica o post sovietica". La vera sfida per il leader del Pd, dice, è la riforma della giustizia.