A Parigi, Rsf protesta contro violazioni libertà stampa in Cina. In concomitanza con la visita in Francia di Xi Jinping

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

916
2 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma (TMNews) - Richiamare l'attenzione sulle violazioni della libertà di stampa in Cina. E' il senso della protesta inscenata da Reporter senza Frontiere a Parigi, in concomitanza con la visita in Francia del presidente cinese Xi Jinping.Un tir con un poster di Xi che fa il gesto dell'ombrello e biciclette con la stessa immagine hanno girato per le strade della città, prima di essere bloccati dalla polizia. "A quattro camion su cinque è stato letteralmente impedito di entrare a Parigi", ha denunciato Christophe Deloire, segretario generale dell'organizzazione, "sono stati bloccati dalla polizia prima di essere arrestati e portati in commissariato. Come se in Francia non fosse possibile esprimersi sulle gravissime violazioni della libertà d'informazione in Cina". (UPS 3, da 1'48'' a 2'05'')"Da quando Xi Jinping è arrivato al potere un anno fa, la censura si è inasprita", ha spiegato Lucie Morillon, direttrice ricerca di Reporter senza frontiere, "La Cina è il primo carcere di giornalisti e altri attori dell'informazione e siamo qui per ricordare questa triste realtà". (UPS 1, da 1'17'' a 1'33'')"Speriamo - ha detto Benjamin Ismail, responsabile dell'ufficio Asia-Pacifico di Reporter senza frontiere - che le autorità possano inviare un segnale al governo cinese e reintrodurre la questione dei diritti umani e della libertà di informazione al tavolo dei negoziati". (UPS 2, da 1'32'' a 1'46'')

0 commenti