"Ti ricordi di me?", Leo e Ambra, "disadattati" e innamorati. Secondo film di Rolando Ravello, una favola romantica dal 3

Try Our New Player
askanews
899
14 views
  • About
  • Export
  • Add to
Roma (TMNews) - Lei è narcolettica, lui è un cleptomane, e sono accomunati da disturbi ossessivo compulsivi: ma sono proprio i rispettivi difetti che faranno innamorare Ambra Angiolini e Edoardo Leo nel secondo film da regista di Rolando Ravello, "Ti ricordi di me?". "Diciamo, nella loro follia, hanno imparato talmente tanto a convivere, a innamorarsi dei difetti dell'altro, che cominciano a guarire" ha detto Leo."Perché cambia il nostro sguardo: la prima volta il fatto che l'altro sia disordinato ti sembra buffo, poi, dopo un anno diventa: 'ma ancora lascia la roba in mezzo!... Ma allora sei di coccio" scherza Ambra."Bea e Roby sono incredibili e sono eroici perché non cambiano: lei continua a vedere le stesse cose, le stesse imperfezioni di lui e trovarle sempre uniche, e viceversa".Ambra e Leo avevano recitato questa commedia insieme per due anni a teatro: Rolando Ravello ha dato al testo un tono da favola moderna, inserendo anche nuove personaggi."Mi interessava raccontare, ed era la cosa che più mi piaceva, che mi scaldava di più: raccontare due persone che per 30 anni hanno avuto una vita non facile.... però forse si stavano già cercando... e probabilmente quando si trovano sono in grado anche di guarirsi: quando riesci a completare la tua storia emotiva diventi più forte" ha spiegato Ravello."Abbiamo lavorato tantissimo, ossessivamente, sul piccolo, anziché sul grande, sul lato emotivo piuttosto che sul lato della commedia facile".Per Leo, attore, sceneggiatore e regista, questa commedia conferma che nel cinema italiano qualcosa sta cambiando."E' il tentivo di alzare un po' l'asticella, di portare il pubblico dalla nostra parte, verso toni più gentili, più delicate, senza parolacce: questo tentativo c'è e noi ci crediamo. Se il pubblico ci segue noi siamo inoraggiati ancora di più a farne di nuove".

0 comments