Italiani e Irpef: metà dei contribuenti non arriva a 16.000 euro. L'analisi del Ministero dell'Economia

askanews

per askanews

884
9 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano, (TMNews) - Italia, mezzo paese con mille e trecento euro al mese e senza altri beni, case di proprietà o rendite che siano. Insomma, mezzo Paese ad un passo dalla povertà, almeno stando a quanto risulta dalle dichiarazioni Irpef 2012 elaborate dal Ministero dell'Economia. La metà dei contribuenti italiani infatti non arriva a dichiarare 16mila euro di reddito l'anno.Il reddito medio complessivo è di 19.750 euro. Complessivamente il 90% degli italiani dichiara meno di 36 mila euro, mentre il 5% dei contribuenti detiene -da solo- il 22.7% del reddito complessivo.Insomma basta guardarsi intorno e tra ville, barche, belle auto, e griffe si capisce che il nostro è davvero il paese del miracolo... Almeno dal punto di vista fiscale.Ma i numeri sono numeri: così, se i lavoratori autonomi dichiarano un reddito medio di 36.070 euro, i dipendenti dichiarano 20.280 euro; mentre il reddito medio dichiarato dagli imprenditori è di soli 17.470 euro. Certo bisogna ricordare che la definizione di "imprenditori" non riguarda i titolari di società, quanto piuttosto quelli di ditte individuali e che non hanno necessariamente dipendenti. Tuttavia qualche sospetto che non tutto sia messo in dichiarazione nasce, soprattutto se poi il reddito medio da partecipazione in società è addirittura di 15.850 euro, solo 70 euro in più di quanto dichiarano i pensionati ovvero 15.780.

0 commenti