Advertising Console

    Firmato all'Aia da 35 paesi accordo sulla sicurezza nucleare. Sì dell'Italia al testo proposto dagli Usa, no di Russia e Cina

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    5 visualizzazioni
    L'Aia (TMNews) - Trentacinque paesi, tra cui l'Italia, si sono impegnati all'Aia a rafforzare la sicurezza nucleare, dando vita a standard internazionali più restrittivi per impedire a organizzazioni terroristiche di venire in possesso di materiale utile alla costruzione di una bomba nucleare "sporca".Francia, Turchia, Ucraina, Giappone e Israele fanno parte dei 35 paesi firmatari dell'intesa che non è stata approvata da Russia e Cina."La nostra iniziativa, ha spiegato il ministro degli Esteri olandese Frans Timmermans, ha due obiettivi: eliminare gli anelli deboli della sicurezza nucleare a livello mondiale e costruire una solida fiducia nelle misure adottate a livello nazionale e internazionale da ogni singolo governo a proposito di sicurezza nucleare".Sulla stessa lunghezza d'onda anche il ministro delle Politiche energetiche degli Stati Uniti, Ernest Moniz."Questo è esattamente il genere di impegno che speriamo possa certificare il fatto che stiamo prendendo molto, molto, sul serio il problema della sicurezza nucleare e che saremo in grado di rispettare questi standard più elevati, riconoscendo che le politiche di sicurezza nucleare di ogni governo sono strettamente legate a quelle degli altri paesi".L'accordo mira a costruire una diversa architettura mondiale in grado di garantire la sicurezza nucleare promuovendo maggiore trasparenza, scambi d'informazioni e la messa a punto di pratiche corrette e condivise.(Immagini Afp)