Sospese ricerche B777 scomparso,protestano parenti vittime cinesi

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

927
4 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Kuala Lumpur (askanews) - Sono state sospese a causa del maltempo le ricerche del volo MH370 della Malaysian Airlines, inabissatosi nell'Oceano Indiano lo scorso 8 marzo con 239 persone a bordo, mentre decine di parenti delle vittime cinesi hanno manifestato dolore e rabbia davanti all'ambasciata malese a Pechino.
Circa 200 familiari dei 153 passeggeri di nazionalità cinese si sono radunati davanti alla sede diplomatica, protetta da centinaia di poliziotti. "Mio figlio, mio figlio, ridatemi mio figlio", gridava in lacrime un padre, attorniato da centinaia di persone che battevano i pugni e pretendavano di incontrare responsabili di Kuala Lumpur. Molte famiglie cinesi sono tuttora convinte che la Malaysia nasconda la verità e chiedono prove che il Boeing 777 si sia inabissato in mare, come annunciato lunedì dal premier malese Najib Razak, che ha menzionato nuovi dati satellitari.
Per il recupero di eventuali rottami si dovrà però attendere. La zona delle ricerche, nel sud dell'Oceano Indiano, è stata sferzata da violente raffiche di vento accompagnate da forti piogge, condizioni giudicate troppo pericolose dalle squadre di soccorso, che hanno sospeso per almeno 24 ore le operazioni.

0 commenti