Baghdad: da culla civiltà a peggior città al mondo dove vivere. Negli anni 70 era considerata fiore all'occhiello mondo arabo

44 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Baghdad (TMNews) - Negli anni 70 Baghdad era una città modello del mondo arabo, sededelle università e dei musei più prestigiosi. Oggi, dopo decenni di conflitti, è ridotta a un cumulo di macerie ed è considerata la peggior città al mondo in cui vivere. In base alle classifichedi Mercer, società di consulenza specializzata nella valutazione della qualità della vita nelle principali città a livello mondiale, Baghdad si posiziona dietro Port-au-Prince la disastrata capitale di Haiti. "Queste notizie sono una ferita per il popolo iracheno perchè Baghdad era considerta una città storica, la culla della civiltà, dove gli studenti venivano a studiare".La popolazione di Bahdad, circa 8,5 milioni di persone, deve oggi misurarsi con una violenza quotidiana. Solo a febbraio sono esplose 31 autobombe con il risultato che le forze di polizia hanno aumentato i posti di blocco e i controllo, limitando la mobilità delle popolazione. Un ricordo è anche la pacificaconvivenza che c'era fra i credenti delle tre religioni monoteiste: arabi, cristiani ed ebrei. "La situazione è terribile. Vivere a Baghdad è come vivere in un accampamento militare. Ogni mattina per andare al lavoro bisogna passare 4 o 5 checkpoint".Oltre alla mobilità, i problemi per la popolazione si misurano anche con lo stato fatiscente delle abitazioni fra matasse di cavi elettrici lasciate scoperte, generatori che suppliscono alla carenza di energia elettrica e il costante rischio di inondazioni a causa dei canali di scolo e drenaggio ostruiti.(immagini Afp)

0 commenti