Advertising Console

    Aereo scomparso: a bordo batterie infiammabili, ipotesi incendio

    Riposta
    euronews (in Italiano)

    per euronews (in Italiano)

    688
    93 visualizzazioni
    Non c‘è ancora alcuna traccia del volo MH370 della Malaysia Airlines scomparso l’8 marzo con 239 persone a bordo.

    E mentre da un lato continuano le ricerche e si moltlipacno le ipotesi, dall’altro il governo e la compagia malese affrontano la rabbia dei familiari dei passeggeri, riuniti in un albergo di Pechino. Alcuni di loro avevano minacciato lo sciopero della fame, ora c‘è chi pensa a una azione legale contro la compagnia di bandiera malese.

    “È molto, molto difficile – ha detto Hishammuddin Hussein, ministro dei Trasporti di Kuala Lumpur – perché non abbiamo la risposta all’unica domanda che conta, che è ‘dove sono i loro cari e dov‘è l’aereo?’”.

    La Malesia ha chiesto agli Stati Uniti attrezzature per la ricognizione subacquea. Le ricerche fino ad ora hanno portato solo a un avvistamento – non confermato – di due oggetti al largo dell’Australia.

    L’ultima ipotesi tra quelle che quotidianamente vengono fornite, sarebbe quella di un incendio causato da batterie al litio infiammabili.