Lavoro, Bagnasco: "Serve rivoluzione culturale, da io a noi"

askanews

per askanews

871
10 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Genova (TMNews) - Nel mondo del lavoro serve una rivoluzione culturale, per passare dall'io al noi, e bisogna sostenere chi crea lavoro semplificando le burocrazie. Sono alcuni dei passggi chiave dell'omelia che il cardinale Angelo Bagnasco ha dedicato al mondo del lavoro per la ricorrenza di San Giuseppe, patrono dei lavoratori.
"E' necessaria e credo sia in atto e sia possibile una rivoluzione culturale concreta. Bisogna accelerare la conversione dall'io al noi, dal mio al nostro: non certo nel senso che non esistono più l'io e il mio, ma nel senso che non possono essere mai più intesi come degli assoluti, come fatto finora, cioè slegati dal resto del mondo".
Il presidente della Cei e arcivescovo di Genova ha sottolineato che "la rivoluzione culturale deve investire non solo il modo di pensare privato ma anche comunitario e sociale, con ricadute sulla concezione del lavoro, sulla visione di un'economia umana e di una società che non sia un agglomerato di individui ma una comunità sol

0 commenti