Sul filo della nostalgia, Veltroni racconta Berlinguer in un film

askanews

per askanews

901
21 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma (askanews) - Walter Veltroni ricorda e racconta Enrico Berlinguer in un film da lui diretto, dal titolo nostalgico, "Quando c'era Berlinguer", nei cinema dal 27 marzo e in onda a giugno su Sky Cinema. La nostalgia è il filo rosso che lega le due ore di film, che con immagini di repertorio racconta dieci anni di storia italiana di cui il segretario del Pci fu protagonista: dalla vittoria al referendum sul divorzio del 1974 alla morte l'11 giugno 1984.
Veltroni ripercorre attraverso filmati e interviste a protagonisti della politica italiana come Giorgio Napolitano e Emanuele Macaluso, a un testimone come Eugenio Scalfari e alla figlia Bianca Berlinguer, gli anni delle grandi speranze del partito comunista italiano e delle sue trasformazioni: dal 1976, quando alle politiche arrivò al 34,4% dei voti, al 1977 quando, a Mosca, durante le celebrazioni dei 60 anni dalla Rivoluzione d'ottobre, Berlinguer sfidò i leader comunisti dell'est parlando del valore della democrazia. Nel film si rivedono i suoi discorsi sulla necessità di un socialismo europeo e quelli che spiegavano la strada per il compromesso storico e la costruzione di una sinistra riformista e di governo.
Il film mostra come il rapimento Moro spezzò le speranze di Berlinguer, riporta alla luce le critiche, anche interne al suo partito, nei primi anni Ottanta, e la distanza con Craxi, fino al tragico comizio di Padova del 7 giugno 84 in cui fu colpito da un ictus. Le immagini dei funerali in piazza San Giovanni a Roma, a cui partecipò più di un milione di persone, chiudono la pellicola. Quel giorno, secondo Veltroni, morì il Pci e terminò una fase di speranza della politica italiana.

0 commenti