Advertising Console

    La Francia bandisce il mais transgenico Mon 810 della Monsanto

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    24 visualizzazioni
    Parigi (askanews) - La Francia dice No al mais transgenico Mon 810, prodotto dalla statunitense Monsanto. Il provvedimento, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale d'oltralpe, vieta commercializzazione, utilizzo e coltivazione del mais Ogm fino a quando la materia verrà regolamentata con norme definitive e decisioni comunitarie, sostenendo che il principio di precauzione giustifica l'adozione di misure restrittive.
    Nel Dna del mais Mon 810, è inserito un gene che consente alla pianta di produrre una proteina - la Delta-endotossina - velenosa per gli insetti che se ne nutrono ma del tutto innocua per l'uomo.
    "In considerazione di dati scientifici affidabili e molto recenti, risultati da ricerche internazionali - recita però il testo del provvedimento francese - la coltivazione di varietà di sementi di mais Mon 810, senza adeguate misure di controllo, presenta seri rischi per l'ambiente nonché pericolo di diffusione di parassiti divenuti immuni alla tossina".
    Ora spetta all'Unione europea pronunciarsi in merito. I singoli Stati membri, infatti, hanno l'autorità di bandire dal proprio territorio i prodotti Ogm anche se autorizzati dalle norme comunitarie. Nell'estate 2013 il Consiglio di Stato aveva rigettato un analogo provvedimento francese che interdiva la produzione di questo tipo di mais.
    Proprio nelle ultime ore la Fao, l'organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa di alimentazione, ha lanciato un allarme sull'aumento nel mondo, soprattutto in America, Canada e Cina, di tracce di prodotti Ogm in alimenti o mangimi che non avrebbero dovuto contenerne, con potenziali rischi per la salute dei consumatori.
    (Immagini Afp)