Advertising Console

    La Bce striglia ancora l'Italia: nessun progresso sui conti

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    3 visualizzazioni
    Milano(askanews) - A poche ore dall'annuncio del premier Matteo Renzi di quella che lui ha definito "una sferzata per l'economia italiana", arriva l'ennesimo cartellino giallo per il nostro Paese da parte della Bce. Fino ad oggi - è quanto argomenta il bollettino mensile dell'istituto guidato da Mario Draghi - non sono stati compiuti dall'Italia progressi tangibili sui conti a medio termine, secondo quanto aveva invece raccomandato la Commissione europea sei mesi fa.
    Nel novembre del 2013, infatti, la Commissione sollecitava all'Italia la necessità di ulteriori misure di risanamento per assicurare l'osservanza del Patto di stabilità, e cioè per conseguire l'obiettivo di un bilancio strutturale in pareggio nel 2014.
    Obiettivo, per l'Eurotower, fino ad oggi ancora non in avvicinamento. Per carità la Bce riconosce sì all'Italia, come alla Spagna e Malta, un risultato per il bilancio strutturale di quest'anno migliore di quanto previsto nell'autunno 2013. Ma pur sempre al di sotto degli obiettivi posti dal Patto di stabilita, viene sottolineato.
    Per quanto riguarda lo scenario complessivo, la Banca centrale europea si attende che la ripresa economica dell'area euro prosegua, "seppure a un ritmo contenuto". L'attività economica dovrebbe trarre vantaggio, tra l'altro, da un graduale rafforzamento della domanda di esportazioni. Ma al tempo stesso la disoccupazione resta elevata e i necessari aggiustamenti di bilancio nei settori pubblico e privato - ancora ricordati - continueranno a pesare sul ritmo della ripresa.