Ambiente, sequestrata la centrale elettrica di Vado Ligure

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

927
11 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Vado Ligure (askanews) - Un "caso Ilva" anche in Liguria, la centrale elettrica Tirreno Power di Vado Ligure, in provincia di Savona, è stata sequestrata dalla Magistratura perché non avrebbe ottemperato ad alcune prescrizioni previste dall'autorizzazione integrata ambientale. In pratica, per i pm della Procura, che indagano per disastro ambientale ed omicidio colposo, in meno di 10 anni i fumi della centrale avrebbero provocato la morte di oltre 400 persone. Il commento di Santo Grammatico, presidente di Legambiente Liguria.
"Non possiamo parlare di una vittoria - ha spiegato - quando si arriva a questo punto è uan sconfitta generale per tutti e il vero rilancio del nostro Paese passa anche da una riconversione industriale pulita, verde e green".
Il sequestro riguarda solo solo le linee di produzione a carbone che, dunque, sono state temporaneamente chiuse. Restano attivi, in ogni caso, i gruppi a metano, non interessati dal provvedimento giudiziario.
"Noi a questa chiusura - ha concluso Grammatico - ribadiamo la necessità di riconvertire l'industria pesante che emette in atmosfera composti nocivi, che è un danno per le popolazioni locali, non diciamo certo oggi ma sono anni che quella centrale andava riconvertita a metano anche per salvaguardare i posti di lavoro".
"Difenderemo il nostro diritto a fare impresa in modo responsabile", si legge in un comunicato della Tirreno Power, ma c'è timore, ora, tra gli oltre 700 lavoratori della centrale e dell'indotto per le possibili ripercussioni del sequestro. I sindacati hanno chiesto al prefetto di Savona, Gerardina Basilicata, di convocare al più persto un incontro con i rappresentanti dell'azienda e delle istituzioni locali.

0 commenti