Aereo sparito, autorità malesi aprono inchiesta per terrorismo. L'ansia dei parenti dei passeggeri: "Vogliamo trasparenza"

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

916
30 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano, (TMNews) - La Malesia ha aperto un'inchiesta per terrorismo dopo la sparizione del Boeing 777 con 239 persone a bordo, sul quale viaggiavano anche due misteriosi passeggeri con passaporti rubati. I timori legati a un possibile attacco terroristico si sono rafforzati dopo l'annuncio del governo di un'inchiesta su quattro persone sospette a bordo dell'aereo in viaggio tra Kuala Lumpur e Pechino, tra cui i due col passaporto rubato. Il volo MH370 era sparito dagli schermi radar un'ora dopo il decollo, in un'area compresa tra l'est della Malesia e il sud del Vietnam. Le famiglie dei passeggeri, arrabbiate per la mancanza d'informazioni, attendono con angoscia notizie in un hotel vicino all'aeroporto di Pechino. "Vogliamo che la Compagnia ci dia informazioni precise", dice questa donna cinese, parente di un passeggero. A cercare di confortare i parenti, alcuni volontari buddisti. Spiega Zeng Yunji, dirigente della Fondazione caritatevole Tzu-Chi: "Siamo qui per fare compagnia alle famiglie. Ci occupiamo di loro", spiega. "Siamo della Compassion Relief Tzu-Chi Foundation, un'organizzazione presente in più di 50 Paesi del mondo. L'associazione è buddista perché il nostro fondatore è un monaco. Ma le persone che fanno parte del nostro gruppo sono di diverse religioni. Ci sono cattolici, cristiani, musulmani e atei. Siamo qui per offrire loro compagnia, amore e conforto, e soprattutto per ascoltare".(Immagini Afp)

0 commenti