Protagonisti di un videogame: l'autismo si cura anche così

askanews

per askanews

847
27 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano, (TMNews) - A prima vista, sembra l'ora della ricreazione. Ma per questi due bambini autistici di una scuola della periferia di Washington, usare una console di gioco Xbox equipaggiata dalla Kinect fa parte del programma di studio. Ne spiega il perché Lynn Keenan, psicologa comportamentale: "Gli scolari autistici hanno bisogno di un approccio cinestetico. Il fatto di muoversi, di spostare il proprio corpo dà loro sensazioni diverse rispetto a quelle di altre strategie utilizzate finora". Una delle caratteristiche dell'autismo è la difficoltà di comunicare con gli altri. La Kinect è in grado di rilevare il movimento. I giocatori possono quindi utilizzare i loro corpi, condividere lo stesso spazio e interagire l'uno con l'altro. "Quando giochi con la Kinect è il tuo corpo che entra nel gioco e sei tu che hai il controllo della partita", dice questo bambino. Lanciata nel 2010 dalla Microsoft, Kinect è stata concepita per gli amatori di videogames. Ma secondo i docenti permette anch

0 commenti