Crimea, la penisola contesa dell'Ucraina. A Simferopoli si lotta anche per la statua di Lenin

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

927
9 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma, 28 feb. (TMNews) - E' una repubblica autonoma dell'Ucraina: la Crimea, sulla costa settentrionale del mar Nero, una penisola a maggioranza russa. Per questo dopo la caduta del presidente filorusso Yanukovich è al centro della lotta fra Kiev e Mosca.La Crimea venna attribuita all'Ucraina dopo il crollo dell'unione sovietica. Una delle ragioni della russificazione della penisola sta nella presenza di molte basi della Flotta del Mar Nero qui costruite dai russi.I filo ucraini si concentrano fra i Tatari, sconfitti dai russi nella guerra di Crimea del 1852, a cui parteciparono anche i soldati piemontesi mandati da Cavour. Divisioni insomma di lunghissima data. La capitale Simferopoli è punto strategico della crisi politica ucraina. Qui manifestanti pro ucraini e pro russi in questi giorni lottano anche intorno a un simbolo, la statua di Lenin. I cittadini pro russi non vogliono che sia demolita.Olga dice "è la nostra storia, è il nonno Lenin, ha tolto le terre e le industrie ai ricchi" . E per Tatiana Timofevna, "quello che è successo a Kiev non è bene, e gli ucraini sono dei terroristi".

0 commenti