A Milano in passerella la donna austera e rigorosa di Prada

askanews

per askanews

852
8 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano, (TMNews) - Le musiche solenni e pesanti di Kurt Weill presentano la donna di Prada per l'inverno 2014-2015. E da subito sembra di piombare nella Germania degli anni 20 e 30. Come un sequel della collezione maschile presentata solo un mese prima la stilista porta sulle passerelle milanesi un'eleganza austera. Scompare ogni vezzo - l'unica concessione sono le voluminose bordure di shearling sui cappotti - per il resto tutto è geometrico nelle forme e nelle decorazioni. C'è il rosso che illumina di tanto in tanto la passerella, ma è il rigore del nero, dei grigi a dominare. Sono ammesse trasparenze, eppure non c'è nulla di ammiccante in un tubino di voile nero con strangolino rosso al collo. Le scarpe, anche quelle, sono solide, gli stivali hanno tacchi ortopedici che rendono stabile l'andatura. Alla fine della sfilata tornano in mente imponenti le atmosfere di Fassbinder, della sua Germania malinconica e ostinata.
(Immagini Afp)

0 commenti