Agli Uffizi la collezione di Francesco Molinari Pradelli. Il direttore d'orchestra amava la pittura del barocco

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

880
33 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Firenze, (TMNews) - Firenze rende omaggio al grande direttore d'orchestra Francesco Molinari Pradelli con la mostra "Le stanze delle muse". L'esposizione, che va in scena alla galleria degli Uffizi, si struttura in un'originale sintesi di storia della musica e di storia dell'arte, grazie alla collezione di Molinari Pradelli che, senza essere uno specialista del settore, negli anni aveva acquisito dipinti di artisti che la critica ha rivalutato successivamente. Pradelli prediligeva il barocco, ha spiegato Cristina Acidini soprintendente del polo museale di Firenze"Amava la scuola emiliana, i grandi classicisti, ma anche il barocco napoletano: il criterio era sempre la grandissima qualità delle opere"Tra i pezzi forti della sua collezione, due quadri di Luca Giordano, un Sebastiano Ricci e il ratto di Europa di Cagnacci e numerose nature morte di grande qualità. Antonio Natali, direttore della galleria degli Uffizi."non sono opere di museo e non sono opere legate ad un'idea di investimenti. E' una collezione nata da un'intellettuale che sceglieva le opere che gli piacevano".La mostra, curata da Angelo Mazza, sarà aperta fino all'11 marzo.

0 commenti