Vuoi rimuovere tutte le tue ricerche recenti?

Tutte le ricerche recenti saranno cancellate

La sfida del presente: cercare lavoro all’estero

4 anni fa25 views

Daniela De Sofia ci scrive: “Sono bulgara e vorrei trasferirmi in Slovacchia per lavorare. Ho bisogno di un permesso di lavoro per lavorare in Slovacchia? Chi può aiutarmi a trovare lavoro? “

Cristina Brandini del servizio di informazione dell’Unione Europea ci spiega come fare.

“In quanto cittadino dell’UE, puoi lavorare liberamente (come impiegato o lavoratore autonomo) in tutti i Paesi dell’UE. Tuttavia, alcuni Paesi possono imporre misure transitorie che limitano l’accesso al loro mercato di lavoro ai cittadini croati fino al 30 giugno 2020.

Se stai ricevendo l’indennità di disoccupazione in Bulgaria, andare all’estero per cercare lavoro non avrà conseguenze sui tuoi diritti. A certe condizioni, infatti, è possibile recarsi in un altro Stato dell’UE per cercare lavoro e continuare a ricevere l’indennità di disoccupazione dal Paese in cui si è diventati disoccupati per un periodo fino a 6 mesi.

Contatta i servizi dell’impiego per maggiori informazioni sulle formalità da compiere prima della partenza e al tuo arrivo nel nuovo Paese ospitante. Per essere sicuro che tu e i tuoi familiari siete coperti dall’assicurazione sanitaria, non dimenticare la Tessera Europea di Assicurazione Malattia.

Una volta trovato lavoro, sarai soggetto alle regole della sicurezza sociale del Paese in cui sei impiegato. La legislazione dell’UE non obbliga il nuovo Paese ospitante a fornire un sostegno al reddito o altri tipi di assistenza sociale alle persone che vi cercano lavoro per la prima volta.

Tuttavia, anche se non disponi di risorse sufficienti per mantenere te e la tua famiglia, non puoi essere obbligato a lasciare il paese ospitante se dimostri che sei ancora in cerca di lavoro e hai buone possibilità di trovarlo.

I paesi dell’UE mantengono il diritto di riservare determinati posti di lavoro ai propri cittadini, ma solo se implicano:l’esercizio di pubblici poteri e/o la salvaguardia degli interessi generali dello Stato.

Si tratta di solito di posti nel servizio diplomatico, nelle forze armate, nelle forze di polizia e di sicurezza, nel settore giudiziario e nell’amministrazione fiscale. Anche in tali settori, comunque, le posizioni che non implicano l’esercizio di pubblici poteri devono essere aperte ai cittadini di altri paesi dell’UE.

Se hai bisogno di aiuto per trovare un lavoro all’estero, EURES è il Portale della mobilità professionale e allo stesso tempo una rete umana di consulenti del lavoro che possono aiutarti a risolvere diversi tipi di formalità all’estero.

Per maggiori informazioni potete contattare “Europe Direct” componendo lo 00 800 6 7 8 9 10 11 o collegarvi al sito europa.eu/youeurope