Advertising Console

    Ucraina, scatta l'amnistia, l'opposizione: non è una resa

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    9 visualizzazioni
    Kiev, (askanews) - Non è una resa, continueremo a vigilare. L'opposizione in Ucraina tenta la via della distensione. Dopo che i manifestanti hanno lasciato il municipio di Kiev, occupato da dicembre, il governo ucraino ha annunciato l'entrata in vigore dell amnistia per gli arrestati negli scontri. Il provvedimento riguarderà gli oppositori pro-Ue e le forze di sicurezza coinvolte nei disordini degli ultimi 3 mesi.
    "Il Presidente Yanukovich mi ha offerto il posto di primo ministro, ma io non ho intenzione di vendermi per un lavoro. Credo che lui voglia solo guadagnare tempo. Non gli interessa risolvere la crisi politica ed economica. Dice il leader d opposizione Arseniy Yatsenyuk. "La sola possibilità di rimediare a questo enorme pasticcio è formare un governo di larghe intese ma non un governo pro-Yanukovich bensì un governo nell interesse dell Ucraina" ha aggiunto.
    La diffidenza regna sovrana tra i manifestanti ucraini impegnati a smantellare le barricate in virtù dell accordo per l amnistia. Non ci stiamo ritirando, stiamo solo tornando al punto di partenza, ripetono i manifestanti che chiedono all'Europa di continuare a sostenere la loro protesta.
    (immagini AFP)