Schumacher, la famiglia non perde speranza: crediamo in ripresa

askanews

per askanews

901
36 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Berlino (askanews) - Guai ad arrendersi. La famiglia di Michael Schumacher continua a "credere con forza" che l'ex pilota di Formula Uno possa riprendersi dal terribile incidente sugli sci che ne mette in pericolo la vita.
Il 45enne tedesco, ricoverato al Centro ospedaliero universitario di Grenoble, è in coma farmacologico dal 29 dicembre dopo aver battuto violentemente la testa a Meribel mentre sciava con il figlio e alcuni amici; in un comunicato i parenti hanno fatto sapere che si trova "ancora nel processo di risveglio", che potrebbe richiedere un lungo periodo.
"La famiglia continua a credere con grande forza alla guarigione di Michael ed esprime piena fiducia allo staff" che lo ha in cura, ha dichiarato la portavoce Sabine Kehm, "La cosa importante non è la velocità del processo, ma che si svolga in modo continuo e controllato".
Mercoledì la Bild ha scritto che Schumacher ha contratto un'infezione polmonare, le cui conseguenze sulle condizioni di salute del sette volte campione del mondo non sono secondo il quotidiano prevedibili. La portavoce si è tuttavia rifiutata di commentare quelle che ha bollato come "speculazioni".

0 commenti