Istat: allarme povertà, metà famiglie vive con 2.000 euro. I dati Istat disegnano quadro inquietante al sud

askanews

per askanews

884
23 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
E' allarme povertà in Italia, soprattutto al Sud. Nel 2012 le famiglie in condizioni di povertà relativa erano il 12,7 per cento, pari ad oltre 9,5 milioni di individui. La povertà assoluta coinvolge il 6,8 per cento delle famiglie italiane. Lo dice l'Istat nel rapporto "Noi Italia" sottolineando che nel 2011 la metà delle famiglie vive con 2.000 euro al mese.Il Sud presenta una situazione particolarmente svantaggiata, con in media oltre un quarto di famiglie povere; per il Centro e il Nord sono il 7,1 e 6,2 per cento).Nel 2011 il 50 per cento delle famiglie ha percepito meno di 23.000 euro. In Campania c'è la più elevata diseguaglianza nella distribuzione del reddito mentre in Sicilia si registra il reddito medio annuo più basso.Nel 2012 quasi il 25% per cento delle famiglie residenti in Italia presentava almeno tre delle difficoltà considerate nel calcolo dell indice sintetico di deprivazione, in aumento rispetto all anno precedente.

0 commenti