Procura di Genova valuta esposto contro Grillo

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

901
7 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Genova, (askanews) - Beppe Grillo non e' indagato, ma la procura di Genova sta valutando le carte ricevute da diverse città italiane per decidere se aprire o meno un procedimento contro lui. E' quanto ha spiegato il procuratore capo di Genova Michele Di Lecce parlando delle voci sull'iscrizione nel registro degli indagati del leader del Movimento 5 Stelle per aver invitato le forze dell'ordine a non proteggere questa classe politica.
L'invito a disobbedire fu lanciato da Grillo con una lettera il 10 dicembre 2013 scorso indirizzata al comandante generale dell'Arma dei carabinieri, al capo della polizia di Stato, e al capo di stato maggiore dell'Esercito italiano. Ma la procura di Genova sta valutando anche altre affermazioni e dichiarazioni, e non solo quindi gli scritti pubblicati sul blog.
Tra i documenti esaminati e ora raccolti in un unico fascicolo ci sono quelli inoltrati da Roma a seguito dell'esposto del deputato pd Fausto Raciti, che dal suo profilo Facebook ha anche lanciato una serie di dure critiche contro il leader del Movimento 5 stelle.

0 commenti