Advertising Console

    Erosione e cemento selvaggio, così la spiaggia di Rimini rischia di sparire

    altarimini

    per altarimini

    13
    13 visualizzazioni
    Un nuovo studio dell'Università dell'Aquila lancia l'allarme per il forte rischio idrogeologico per la Costa Adriatica: decenni di urbanizzazione selvaggia hanno trasformato la striscia costiera in quella che può essere vista come una città lunga 1480 km, con spiagge sempre più sottili e vulnerabilità sempre maggiore di fronte a eventi atmosferici inusuali.
    La ricerca, realizzata da Bernardino Romano e Francesco Zullo, ripercorre l'ultimo secolo di urbanizzazione della costa adriatica: l' aumento dell'erosione porta conseguenze, oltre che sul piano ambientale, anche su quello della sicurezza. Un terrenno eccessivamente sollecitato diventa "sensibile" a smottamenti e frane. Secondo lo studio, la regione Emilia Romagna avrebbe avuto una urbanizzazione più veloce rispetto ad altre regioni affacciate sulla costa. Nel riminese è stata rapida ed inesorabile. Dalla metà del secolo scorso sarebbero stati "occupati" 20 metri all'anno. La soluzione? Da un lato ridurre l'urbanizzazione, dall'altro prepararsi a sostenere le conseguenze di quanto già realizzato.