La torcia Olimpica arriva a Sochi

258 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
La torcia olimpica è arrivata a Sochi dopo un percorso di 65 mila chilometri, il più lungo nella storia dei Giochi. Era partita da Mosca il 7 ottobre e ha fatto anche tappa nello spazio e al Polo Nord. Il Presidente Putin per l’occasione ha visitato il villaggio Olimpico guidato dalla campionessa Elena Isimbayeva e dal team di atleti russi.

Tutti sperano che la cerimonia d’apertura di venerdì, l’avvio delle competizioni e le imprese degli atleti, portino via l’aria cupa che ha accompagnato il conto alla rovescia di queste Olimpiadi invernali. Giochi su cui pesa in primis la minaccia terroristica, anche se Putin minimizza.

“Non possiamo dimenticare che ci sono state situazioni tragiche in passate competizioni internazionali, inclusi gli Stati Uniti, pensiamo alla maratona di Boston. E’ tutto abbastanza recente. Ci sono stati problemi simili durante i Giochi Olimpici, il G8 di Londra, pensiamo agli attacchi terroristici nella metropolitana”.

Gli attentati di Volgograd a dicembre hanno fatto salire la tensione, ma altrettanto hanno fatto le leggi anti-gay, un testo che ha portato a manifestazioni e boicotatggi. Oltre alle polemiche, con i primi arrivi aumentano anche le critiche. L’accoglienza a Sochi ha lasciato molti a bocca aperta: hotel non finiti, stanze senza riscaldamento e senza acqua calda con giochi costati 50 miliardi di dollari.

0 commenti