Advertising Console

    20 anni dal genocidio in Rwanda: 800mila persone massacrate, 10mila al giorno

    Riposta
    euronews (in Italiano)

    per euronews (in Italiano)

    832
    66 visualizzazioni
    Iniziato con l’abbattimento dell’aereo su cui viaggiava l’allora presidente, Juvenal Habyarimana, il genocidio in Rwanda si prolungò dal 7 aprile fino alla metà di luglio del 1994.

    Secondo l’Onu, almeno 800 mila persone vennero massacrate da estremisti hutu che iniziarono a uccidere i tutsi. 10.000 morti al giorno, 400 ogni ora, 7 al minuto.

    Tutti gli hutu furono chiamati a partecipare al genocidio: chi si rifiutava veniva eliminato.

    Le milizie eressero barriere stradali. Al controllo dei documenti, i tutsi venivano massacrati a colpi di machete. La radio invitava i tutsi a presentarsi alle barriere per essere uccisi. Molti uomini si sacrificano, nel tentativo di salvare bambini e donne in fuga verso Uganda e Burundi.

    Il 22 giugno l’esercito francese intervenne con un’azione militare successivamente riconosciuta dall’Onu. Molti criminali di guerra ne approfittarono per fuggire dal Paese.