Banda dei tir, Bari: sgominata dai Carabinieri banda di ricettatori e sequestrati beni da 300mila euro

Prova il nostro nuovo lettore
VideoAndria
26
160 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
http://www.videoandria.com/
► Seguici su Facebook! » http://goo.gl/PpL4xY «
► Seguici su Twitter! » http://goo.gl/ko9PAx «
► Iscriviti al nostro canale! » http://goo.gl/LaCpB3 «
Ieri mattina un commando di quattro persone incappucciate e armate di pistola, hanno affiancato con una Fiat Bravo e bloccato un corriere TNT sulla SS 100 all'altezza di Casamassima, sequestrando i due autisti e facendo sparire il carico di oltre 300 mila euro di scarpe sportive.Immediatamente è scattato il piano antirapina e i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Bari hanno successivamente intercettato il camion a Bari in via Laricchia, già svuotato del suo prezioso carico. Con l'aiuto d'immagini di sistemi di videosorveglianza e con l'intervento dei colleghi del Nucleo Investigativo di Bari si è scoperto in breve tempo che il deposito segreto si trovava vicino al luogo in cui il camion era stato fermato. Le stesse immagini delle telecamere hanno documentato lo svuotamento del mezzo e l'occultamento della refurtiva. Nel locale i carabinieri oltre ad aver rinvenuto il prezioso carico di calzature rapinata al corriere TNT, per un valore di oltre 300mila euro, i militari hanno anche rinvenuto 2 tonnellate di caffè, per un valore di oltre 30mila euro, provenienti da un'altra rapina commessa ai danni di un tir lo scorso 28 gennaio in via Amendola. Le operazioni di perquisizione hanno permesso ai militari di rinvenire e sequestrare anche una pistola semiautomatica a salve priva di tappo rosso con 4 cartucce nel serbatoio e un apparecchio "Jammer" usato per annullare i sistemi di allarme.I quattro ricettatori, un 35enne sorvegliato speciale di Bitonto, un 39enne di Modugno, un 44enne di Bari e un 54enne sempre di Bitonto, sottoposti a fermo di indiziato di delitto, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, sono stati associati presso la casa circondariale di Bari mentre la refurtiva è stata restituita agli aventi diritto.

Comando Provinciale Carabinieri Bari
Sala Stampa

0 commenti