Advertising Console

    Schumacher si sveglia dal coma: processo lungo e difficile

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    36 visualizzazioni
    Grenoble, (askanews) - Inizia il risveglio di Michael Schumacher dal coma artificiale nel quale il campione di Formula 1 si trova da oltre un mese, dopo l'incidente su una pista da sci delle Alpi francesi che l'ha costretto al ricovero all'ospedale di Grenoble. La fase del risveglio potrà durare a lungo, ha spiegato la portavoce del pilota Sabine Kehm in un comunicato. Il professor Jean Mantz, capo dipartimento di anestesia e rianimazione all'ospedale parigino Bichat-Beaujon-Louis Mourier spiega le scelte dei colleghi che hanno in cura Schumacher.
    "Il coma artificiale in caso di trauma cranico severo è un modo per aiutare il paziente, fa parte di un trattamento che impedisce al cervello di mettere in pericolo le funzioni vitali, un modo di reagire alla lesione" spiega. "Non si può dire quanto duri il coma artificiale, non c'è un solo fattore che permetta di prevedere come si risveglierà il paziente e la qualità del suo risveglio e ancora di più lo sviluppo, le funzioni neurologiche e la vita di relazione".
    "L'età fisiologica gioca un ruolo importante - conclude il medico - chi è in buona salute, non ha complicazioni come malattie cardiovascolari, o fumo, ha molte più possibilità di avere un risveglio rapido e di buona qualità e di vivere a lungo e avere una buona qualità della vita".
    (immagini Afp)