Archeo arte. Verdi e Roma: ai Lincei storia di un amore difficile. Ai Lincei la mostra su Giuseppe Verdi e la capitale d'Italia

askanews

per askanews

847
22 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma (TMNews) - Giuseppe Verdi e Roma: è una narrazione affascinante quella del contrastato rapporto tra il Maestro e la neo capitale d'Italia che l'Accademia dei Lincei ha documentato in una strutturatissima mostra nella prestigiosa sede di Palazzo Corsini in via della Lungara 10 a Roma."Il carteggio di Verdi - ha spiegato il professor Marco Guardo curatore della mostra storico documentaria del grande compositore italiano - rivela un rapporto estremamente difficile ed ambiguo con la Capitale. Verdi parla male della Roma post unitaria per la cattiva gestione dei teatri, ma allo stesso tempo ama gli amici che ha trovato nella capitale e apprezza la magia delle serate che con loro condivide nella città".Il percorso espositivo lungo le austere sale della biblioteca dell'Accademia propone ai visitatori una considerevole quantità di materiali documentali, con i bozzetti delle opere, i costumi d scena, le testimonianze dei grandi interpreti verdiani, da Maria Callas a Luciano Pavarotti. "La mostra - ha aggiunto Guardo - s'impone per la rarità di alcuni manoscritti e la preziosità di alcuni abiti di scena".La ricchezza e la varietà documentale - trattandosi di musica, c'è un'intera sezione multimediale con registrazioni storiche e video di messeinscena - alimentano l'interesse del pubblico, specie tra studenti e universitari. "In effetti, constatiamo l'attualità dell'opera verdiana anche nel crescente flusso di pubblico cui senza dubbio ha contribuito l'inaugurazione, lo scorso 13 dicembre, alla presenza del Capo dello Stato che ha dato risonanza all'evento".La mostra, voluta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall'Accademia dei Lincei per il Bicentenario della nascita di Verdi, sarà aperta fino all'8 marzo. Curata da Marco Guardo e Olga Jesurum, è ad ingresso libero. E' visitabile il lunedi, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 13; il martedì e giovedì dalle 8 alle 17 ed il sabato dalle 9 alle 14.

0 commenti