Advertising Console

    In Brasile in piazza contro il Mondiale 2014: è solo l'inizio. Manifestanti chiedono investimenti nell'istruzione, non stadi

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    25 visualizzazioni
    San Paolo (TMNews) - Il Brasile scende in piazza contro il Mondiale di Calcio al via nell'estate 2014. In migliaia hanno dato vita per le strade di San Paolo ad una manifestazione che si annuncia essere solo un assaggio di quanto avverrà in futuro. "E' solo l'inizio, ci saranno sempre più proteste" dice questo giovane. Durante la manifestazione ci sono stati momenti di tensione e duri confronti con la polizia che a fine giornata hanno portato all'arresto di 128 persone."Il mio messaggio è che il Brasile è in uno stato terribile e gli stranieri devono saperlo. Abbiamo gli stadi per la Coppa del mondo ma non abbiamo aeroporti, sicurezza, ospedali, non abbiamo nulla". I manifestanti criticano i soldi spesi dal governo per la manifestazione sportiva, a cui seguirà l'Olimpiade nel 2016, mentre il Paese avrebbe bisogno di investimenti per l'educazione e la sanità.(Immagini Afp)