Tra ironia e commozione il viaggio di Bruce Dern nel "Nebraska"

askanews

per askanews

901
4 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma (askanews) - Un ritratto dolente in bianco e nero della provincia americana e una raffigurazione ironica delle nevrosi familiari. Si presenta così "Nebraska", il film di Alexander Payne in uscita nei cinema italiani.
Protagonista è un anziano confuso, testardo e taciturno, interpretato da Bruce Dern: quando si convince di aver vinto un milione di dollari con una pubblicità-truffa vuole intraprendere a tutti i costi il viaggio tra la cittadina del Montana dove vive e la capitale del Nebraska. Il figlio lo accompagnerà malvolentieri nel suo viaggio, che svelerà dissidi familiari, vecchi rancori, e commoventi confronti.
Con la sua interpretazione Bruce Dern ha vinto la Palma d oro di miglior attore a Cannes. Il suo personaggio nel viaggio on the road riacquista dignità e si prende qualche rivincita sulla vita, che lo aveva sempre tenuto ai margini. E anche quella provincia americana abbattuta dalla crisi e isolata dal mondo ridiventa protagonista sullo schermo.

0 commenti