Fassbender spacciato nel racconto di McCarthy diretto da Scott. Nelle sale thriller The counselor, con Diaz, Cruz, Pitt, Bardem

askanews

per askanews

852
15 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma (TMNews) - Lo scrittore premio Pulitzer Cormac McCarthy e il regista Ridley Scott uniscono le forze per il thriller dal cast stellare "The counselor - Il procuratore", in uscita nelle sale italiane. Nel film l'avvocato Michael Fassbender si illude di poter fare affari nel circolo della droga e dei narcos sudamericani, e di poter uscire incolume dal sottobosco di trafficanti, truffatori, intermediari in cui si imbatte. Quello di Fassbender e della sua fidanzata Penelope Cruz sono gli unici volti puliti tra personaggi senza scrupoli: il proprietario di nightclub specializzato in affari loschi Javier Bardem, l'avida e fredda Cameron Diaz, l'intermediario imperscrutabile Brad Pitt. E i loro caratteri sono sicuramente la cosa più interessante del film, ambientato principalmente in quella zona franca che è il confine tra Usa e Messico. McCarthy con questo film è al suo esordio come sceneggiatore, anche se dal suo romanzo "Non è un Paese per vecchi" era stato tratto il capolavoro dei fratelli Coen che era valso un Oscar proprio a Bardem. E anche questa volta nella sua storia cupa venata di umorismo torna l'idea che gli uomini hanno in fondo tutti un' anima nera, e che, pur avendo una scelta, compiono spesso azioni sbagliate che possono diventare fatali.

0 commenti