Vuoi rimuovere tutte le tue ricerche recenti?

Tutte le ricerche recenti saranno cancellate

Like
Guarda più tardi
Condividi
Aggiungi a

Il Milan presenta il suo nuovo numero 10: il giapponese Honda. Arrivato dal Cska di Mosca ha un chiaro obiettivo: la Champions

4 anni fa23 views

Milano (TMNews) - E' stata un'accoglienza da grande star, di quelle prima riservate solo a campioni come Beckham, Ronaldinho e Balotelli. Il giapponese Keisuke Honda, dopo 4 anni al Cska di Mosca, ha fatto così il suo esordio nel Milan squadra della quale vestirà la prestigiosa maglia numero 10. Un sogno - ha detto - descritto in un tema scolastico sin da quando aveva 12 anni."Quando ero giovane seguivo la Serie A in Tv - ha detto il campione nipponico - quello italiano è il cmapionato più famoso in Giappone in questo momento. Ci sono molti giocatori che amo tra le squadre italiane".Tra questi sicuramente alcuni dei suoi nuovi compagni di squadra come Balotelli e Kakà dai quali - ha ammesso - ha tanto da imparare.Ventisette anni e 55 goal all'attivo in carriera di cui 28 con il Cska, il "principe di Osaka " arriva al Milan con la benedizione di Alberto Zaccheroni, Ct della nazionale nipponica, con un contratto di 3 anni e un obiettivo ben delineato: vincere la Champions league."I tifosi italiani conoscono bene il calcio - ha commentato Honda - se giochi male non te la fanno passare liscia. Per cui dovrò stare attento. So che devo giocare bene e giocare sempre. Questo è il mio obiettivo".Ancora ignota la data del debutto in campo, anche se Galliani ha lasciato intendere che non sarà la gara di domenica 12 gennaio, contro il Sassuolo.

Segnala questo video

Seleziona un problema

Inserisci il video

Il Milan presenta il suo nuovo numero 10: il giapponese Honda. Arrivato dal Cska di Mosca ha un chiaro obiettivo: la Champions
Riproduzione automatica
<iframe frameborder="0" width="480" height="270" src="//www.dailymotion.com/embed/video/x19edbb" allowfullscreen allow="autoplay"></iframe>
Aggiungi il video al tuo sito con il codice di incorporamento qui sopra