Advertising Console

    L'arte dei giardinieri giapponesi di "cesellare" gli alberi

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    49 visualizzazioni
    Tokyo, (askanews) - C'è un arte che nei secoli ha reso famosi i giardinieri giapponesi in tutto il mondo: quella di cesellare, letteralmente, gli alberi. Che siano bonsai o grandi pini, in Giappone gli alberi vengono potati, piegati per raggiungere una perfezione estetica, non del tutto naturale:
    "Se lo fai bene e li maneggi con cura - racconta Tadayoshi Idono - non soffrono molto. Io amo i miei alberi".
    Queste creazioni verdi costano una piccola fortuna. Un esemplare può arrivare a costare anche 40mila euro, come questo pino strobo centenario. Nella piccola città di Sosa, un centinaio di chilometri a est di Tokyo, la famiglia Ishibashi se ne occupa da generazioni. E quando arriva il momento di venderlo sale un po' il magone
    "Quest'albero fa parte della nostra famiglia - racconta l'anziano Makoto - Di sicuro non parla, ma se osservate la sua forma capirete che vuole dire qualcosa. Sarà che me ne sono sempre occupato, sento che c'è un forte legame tra noi".
    Vendere alberi come questi non è impresa da poco: occorre estirparli e condizionarli in modo da garantirne la sopravvivenza lontano dal Giappone. Ormai infatti queste creazioni sono destinate all'estero, Cina prima di tutto:
    "In Giappone non ci sono più posti - spiega Koichi Ebato - e le case non sono più adatte ai giardini giapponesi, per di più c'è la congiuntura economica. Oggi i miei clienti sono per la maggiorparte cinesi".
    Ed è proprio grazie alle esportazioni - nel 2012 all'estero ne sono finiti 61 milioni - che questi abili giardinieri sperano di poter fare sopravvivere la propria arte.
    (immagini AFP)