Milano verso l'Expo: prove da capitale internazionale dell'arte

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

912
6 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano (askanews) - L'Expo del 2015 si avvicina e Milano si prepara a diventare, per sei mesi, il centro del mondo. Anche a livello di proposte artistiche il capoluogo lombardo negli ultimi mesi ha premuto sull'accelleratore della qualità proponendo una serie di mostre di livello internazionale.
A Palazzo Reale sono ancora in corso infatti due veri eventi, come l'esposizione in collaborazione con il Whitney Museum di New York "Pollock e gli irascibili", occasione unica per scoprire l'Espressionismo astratto alle nostre latitudini, con capolavori del padre dell'Action Painting, ma anche di Rothko e De Kooning.
Accanto ai ribelli del gesto, ecco il gran cerimoniere della banalità: Andy Warhol, nume del Pop e della società di massa. Nelle sue Marilyn e nei suoi Mao scorre molto della lezione concettuale dell'arte contemporanea.
Sempre a Palazzo Reale va in scena anche lo stretto dialogo di Milano con il Centre Pompidou di Parigi: la mostra "Il volto del 900" è una raccolta di ritratti del museo francese che attraversa tutta la modernità. Ancora dal Beaubourg arriva poi la ricca collezione di dipinti di Kandinsky, che coprono l'intera carriera del grande pittore astratto.
Altro polo cruciale per l'internazionalizzazione di Milano come città d'arte è l'HangarBicocca, ora sempre in più stretti rapporti con la Tate Modern di Londra. Il curatore dello spazio milanese di Pirelli, Andrea Lissoni, è stato infatti chiamato nel museo londinese per occuparsi di Film e arte internazionale. Lo farà senza abbandonare l'Hangar, dove sono ancora aperte al pubblico le mostre di Ragnar Kjartansson e della sua musica e quella dedicata a Dieter, Bjorn e Oddur Roth, tre generazioni di una delle più importanti famiglie dell'arte, dal Novecento al futuro.
Stesso percorso che, partendo magari proprio dall'arte, si spera che anche la Milano che va verso l'Expo riesca a intraprendere con successo. I passi mossi finora sono incoraggianti e le luci di Marco Rotelli che scrivono sulla facciata di Palazzo Reale fanno già tanto capitale europea.

0 commenti