Lima, Natale a suon di botte per lasciare i litigi alle spalle. Per tradizione lo scontro fisico esorcizza le tensioni

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

915
38 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Lima, (TMNews) - Feste natalizie a suon di botte. Non sono litigi improvvisi o frutto di vecchi rancori, ma una tradizione consolidata in Perù: la comunità di Chumbivilca celebra il Natale con il festival Takanakuy, a base di combattimenti e scontri fisici. Un corpo a corpo che simboleggia la volontà di lasciare i litigi alle spalle ed entrare nel nuovo anno in armonia. Con l'arrivo degli immigrati la tradizione si è estesa alle baraccopoli di San Juan de Luringancho a Lima."Quando entriamo nel ring ci si scalda il sangue e siamo pronti a menare le mani" confida Juana, impegnata nei combattimenti."E' una prova di virilità per i giovani. I problemi si dissolvono dentro il ring, e prima e dopo il combattimento ci si abbraccia" spiega l'organizzatore Felix Pena."E' un'abitudine che abbiamo dentro, nasce con noi"."Non è qualcosa di buono o cattivo, è un'abitudine: litighiamo in armonia e allo stesso modo ci stringiamo la mano alla fine". Per la comunità locale è il modo per cominciare un nuovo anno con il piede giusto.(immagini Afp)

0 commenti