Cina, i nostalgici festeggiano i 120 anni dalla nascita di Mao

askanews

per askanews

885
16 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Pechino (TMNews) - Fuochi artificiali, offerte votive, candele. 120 anni fa nasceva, nella città di Shaoshan, Mao Tse Tung, celebrato e famigerato padre della rivoluzione comunista in Cina, e ancora oggi, nel suo luogo natale, centinaia di persone hanno voluto ricordarlo. Le celebrazioni nostalgiche sono andate in scena in un'atmosfera a metà strada tra l'agiografia politica e la festa campestre, con molte bandiere rosse e canzoni celebrative.
Tra la gente anche un aspirante sosia di Mao, vestito e pettinato come il Presidente, che però a un certo punto sfoggia uno smartphone storicamente poco coerente con la biografia del leader della Lunga Marcia e del Grande Balzo in avanti. Ma in realtà l'accostamento è una efficace metafora dello sviluppo cinese degli ultimi anni, per il quale il modello maoista, per quanto aggiornato, è rimasto un punto di riferimento soprattutto a livello di metodo politico.

0 commenti