Advertising Console

    Egitto: gire di vite contro manifestanti non autorizzati

    Riposta
    euronews (in Italiano)

    per euronews (in Italiano)

    706
    9 visualizzazioni
    Per aver manifestato, nonostante i divieti, tre attivisti laici sono stati condannati in Egitto ad altrettanti anni di prigione. È l’effetto di una nuova norma che regola il diritto a manifestare. Se le autorità non concedono il permesso, chi protesta può finire in carcere.

    Per oltraggio a pubblico ufficiale i tre dovranno anche pagare 5000 euro a testa.

    I tre non sono membri dei Fratelli Musulmani, ma fanno parte dell’opposizopone laica. Secondo molti analisti sono stati condannati per dare l’esempio e mostrare che la legge in Egitto non è usata a fini politici.

    “Le autorità”, dice un’attivista, “vogliono farci dimenticare i principi della rivoluzione del 2011, ma noi continueremo a combattere.”

    Sono diverse settimane ormai che i militari che hanno arrestato l’ex presidente Mohamed Morsi vogliono anche colpire l’opposizione laica. Decine nel solo mese di novembre, sono stati gli arresti di attivisti che considerano questa nora liberticida.